Roberto Fiore, leader di Forza Nuova a Reggio Calabria

IMG-20190201-WA0000

Si è svolto ieri sabato 2 febbraio 2019 presso l’Auditorium Lucianum un incontro organizzato da FN RC molto importante dal titolo : LOTTA DI POPOLO CONTRO I POTERI FORTI.

I relatori si sono espressi spaziando dai Valori della Famiglia ahimè oggi messa in discussione sopratutto dal Volere di alcune persone che con varie Leggi ha permesso oggi la possibilità di aborto (omicidio) fino anche al 9 mese di gravidanza, per questo il Titolo dell’evento è accompagnato da un burattinaio.

Apre i lavori con un lungo, emozionante e significativo discorso la Segretaria di Reggio Calabria per Forza Nuova la Professoressa Margherita Zumbo fino a penetrare il discorso sui Valori e sui Principi della Famiglia con un Analisi dell’ Avvocato Giancarlo Carelli segretario cittadino della Lega a Crotone, il discorso è stato anche raffigurato con alcune Slide. Conclude i lavori il Leader Nazionale di Forza Nuova Roberto Fiore, applaudito  da tutti i presenti, il quale ha spaziato su piu temi iniziando dalla Famiglia per poi spaziare su Immigrazione e sulla Politica Attuale. All’incontro ha preso parte anche Gaetano Campolo giovane imprenditore, Ceo e Founder di home restaurant hotel, il quale invitato dalla Professoressa Zumbo ed ha preso parte al meeting cosi il giovane imprenditore ha avuto modo di far conoscere al Leader Roberto Fiore l’annosa questiona sulla ddl home restaurant ferma al senato da gennaio 2017 e che blocca il settore di cui il giovane imprenditore Calabrese ne è pioniere in Italia e che oggi vede oltre 1000 licenze per il franchising bloccate, in quanto come ha potuto apprendere Roberto Fiore, per colpa di una risoluzione di Calenda che senza rispettare Bollettino Antitrust e senza rispettare la Volontà della UE che invece chiedono agli stati membri di incentivare ed agevolare questa nuova forma di economia come lotta alla disoccupazione. Campolo dove aver parlato telefonicamente con il Ministro Centinaio e  la Portavoce di Di Maio senza ricevere risposte confortanti pari ai 1200 posti di lavoro che saranno delocalizzati alle Canarie e dopo aver parlato con Nicola Gratteri ha deciso di presentare un esposto in Procura a Roma da Pignatone.