Cosenza, nasce Rete provinciale teatri

hrh

Nasce sotto l’egida della Camera di Commercio di Cosenza la Rete dei teatri della provincia. E’ stato firmato, in questo senso, un protocollo di intesa con i Comuni di Cassano allo Ionio, Castrovillari, Corigliano-Rossano, Villapiana e Mendicino.
“La Camera di commercio di Cosenza – è detto in un comunicato dell’ente – destinerà risorse per patrocini onerosi e contributi da erogare sulla base della programmazione annuale dei Comuni aderenti. Lo spirito delle misure è quello di incentivare produzioni che sappiano promuovere la culture e le identità del territorio della provincia di Cosenza”. “Cultura e saperi – ha detto il presidente della Camera di commercio cosentina, Klaus Algieri – sono al centro della nostra programmazione e dei nostri progetti futuri. Abbiamo da poco digitalizzato la Biblioteca camerale, rinata per una precisa volontà di restituire alle imprese e alla città un patrimonio librario di grandissimo valore storico. Nel 2018 abbiamo ottenuto anche il marchio Anno europeo del Patrimonio culturale.
Un riconoscimento prestigioso che il nostro territorio può vantare. Adesso la nascita di questa Rete dei teatri conferma una delle direzioni della nostra governance: la cultura come collaborazione, programmazione condivisa e valorizzazione del territorio. Elementi che generano ricchezza e crescita”.
“L’ente camerale – riporta ancora il comunicato – mette a disposizione la propria sede per le riunioni operative della Rete dei teatri della provincia di Cosenza. Inoltre, sulla base di una apposita calendarizzazione degli eventi, la Camera di Commercio potrà programmare la concessione dei Patrocini non onerosi. Destinatari di patrocini (onerosi e gratuiti) e contributi, saranno solo i soggetti che aderiscono alla ‘Rete’ le cui iniziative (singole e soprattutto in forma aggregata/coordinata) prevedono una ricaduta positiva sul tessuto imprenditoriale locale, mediante la valorizzazione del territorio e dei costumi locali (luoghi turistici, produzione tipica) e compagnie o artisti locali. E’ possibile aderire anche in seguito alla Rete dei teatri della provincia di Cosenza”.
(ANSA).